Images about: #amore (18313212 posts)

This all sounds about right to me...learning through participating & helping each other to learn is the best way to grow. Thank you @happytummybyritumbhara & @dyutima_myfoodlens for coming up with this wonderful theme based contest. 🖤🖤🖤
As I spread some sunshine here with this moody still life photo with eggs,its my contribution for #foodphotobiteswithritu . 
I have wanted to clik this pic from a long tym but was lethargic to shoot a monochromatic frame,but now I am happy wit the outcome.Little tip n trick I would add here is yellow works wonders with dark moody fotos as it enhances your frame n adds a little vibrance to your picture.💛💛💛
 #moodyphotography #darkfoodphoto #darkfoodphotography #eggs #photographywithlove #monochromatic #foodshot #canonclicks #loveclicking #goodfoodlover #hautecuisines #feedfeed #love #amore #homephotography #frommykitchen

2019-11-14 06:06   0 0

 

This all sounds about right to me...learning through participating & helping each other to learn is the best way to grow. Thank you @happytummybyritumbhara & @dyutima_myfoodlens for coming up with this wonderful theme based contest. 🖤🖤🖤 As I spread some sunshine here with this moody still life photo with eggs,its my contribution for #foodphotobiteswithritu . I have wanted to clik this pic from a long tym but was lethargic to shoot a monochromatic frame,but now I am happy wit the outcome.Little tip n trick I would add here is yellow works wonders with dark moody fotos as it enhances your frame n adds a little vibrance to your picture.💛💛💛 #moodyphotography #darkfoodphoto #darkfoodphotography #eggs #photographywithlove #monochromatic #foodshot #canonclicks #loveclicking #goodfoodlover #hautecuisines #feedfeed #love #amore #homephotography #frommykitchen

+12 wauuuu come SEI DIVENTATA GRANDE piccola mia #Amore mio  # sei una piccola donna buonn COMPLEANNO amore di zia 🍾🍾🎊🎊🎊🎂🎂🎂😘😘😘😘❤💕💕💕💕TVB REBECCA ❤💕😘😘😘

2019-11-14 06:00   0 0

 

+12 wauuuu come SEI DIVENTATA GRANDE piccola mia #Amore mio # sei una piccola donna buonn COMPLEANNO amore di zia 🍾🍾🎊🎊🎊🎂🎂🎂😘😘😘😘❤💕💕💕💕TVB REBECCA ❤💕😘😘😘

Storia di INCANTI - Capitolo 13
"Se fosse ancora possibile sorprendersi questo sarebbe il momento adatto. Le fiabe sono cambiate. 
I personaggi sono gli stessi, ma ora si mostrano agli occhi di grandi e piccini in atteggiamento diverso. La prospettiva è mutata, come evoluta, e si protendono ora verso i bambini con le mani in accoglienza e gli sguardi curiosi e speranzosi. Non si muovono, non parlano, semplicemente attendono, come sorpresi essi stessi dalla novità, dal verificarsi di un evento inatteso e inimmaginabile. E come la sera prima, nove piccoli esseri fatati alzano gli occhi annuendo e sorridendo. 
Poi, a turno, si abbassano a cercare qualcosa nel proprio cestino." I BAMBINI E LA TEORIA DELLE FRECCE
"Poi le loro storie, le storie dei bambini di sempre, esseri perfetti guastati dalla vita e dagli adulti, che però, a pensarci bene, a loro volta sono stati pure bambini. 
E quello strano gioco, e i doni agli sconosciuti della spiaggia. Ma certo, loro sono qui per noi! Per riportarci al mondo che abbiamo lasciato, per aiutarci a trasformare i nostri smarrimenti, per donarci i loro pensieri felici. Se un bambino non ci prendesse per mano, chiedendoci ogni sera una fiaba, quale adulto si ricorderebbe che esistono?" Inizia ora il processo di trasformazione dei personaggi delle fiabe e di noi esseri umani: i bambini offrono ai personaggi i propri doni, che sono poi i doni insiti in ognuno di noi. 
Ho applicato qui la teoria detta delle “Frecce”: la figura geometrica dell’Esade indica le relazioni tra gli Enneatipi che suggeriscono la possibile evoluzione di ciascuno attraverso l’aiuto dell’altro. 
In quesa fase ho preso spunto anche dalla teoria Transazionale di Erik Berne, secondo la quale esistono vari livelli di comunicazione tra gli esseri umani e la possibilità di comprendersi veramente l’uno con l’altro si verifica solo quando comunichiamo partendo e ricevendo allo stesso livello psicologico.
 #incanti #èsolounafiaba #edizionivirgiliomilano #enneagramma #favole #bambinointeriore #bambinimagici #doni #amore

2019-11-14 05:59   0 0

 

Storia di INCANTI - Capitolo 13 "Se fosse ancora possibile sorprendersi questo sarebbe il momento adatto. Le fiabe sono cambiate. I personaggi sono gli stessi, ma ora si mostrano agli occhi di grandi e piccini in atteggiamento diverso. La prospettiva è mutata, come evoluta, e si protendono ora verso i bambini con le mani in accoglienza e gli sguardi curiosi e speranzosi. Non si muovono, non parlano, semplicemente attendono, come sorpresi essi stessi dalla novità, dal verificarsi di un evento inatteso e inimmaginabile. E come la sera prima, nove piccoli esseri fatati alzano gli occhi annuendo e sorridendo. Poi, a turno, si abbassano a cercare qualcosa nel proprio cestino." I BAMBINI E LA TEORIA DELLE FRECCE "Poi le loro storie, le storie dei bambini di sempre, esseri perfetti guastati dalla vita e dagli adulti, che però, a pensarci bene, a loro volta sono stati pure bambini. E quello strano gioco, e i doni agli sconosciuti della spiaggia. Ma certo, loro sono qui per noi! Per riportarci al mondo che abbiamo lasciato, per aiutarci a trasformare i nostri smarrimenti, per donarci i loro pensieri felici. Se un bambino non ci prendesse per mano, chiedendoci ogni sera una fiaba, quale adulto si ricorderebbe che esistono" Inizia ora il processo di trasformazione dei personaggi delle fiabe e di noi esseri umani: i bambini offrono ai personaggi i propri doni, che sono poi i doni insiti in ognuno di noi. Ho applicato qui la teoria detta delle “Frecce”: la figura geometrica dell’Esade indica le relazioni tra gli Enneatipi che suggeriscono la possibile evoluzione di ciascuno attraverso l’aiuto dell’altro. In quesa fase ho preso spunto anche dalla teoria Transazionale di Erik Berne, secondo la quale esistono vari livelli di comunicazione tra gli esseri umani e la possibilità di comprendersi veramente l’uno con l’altro si verifica solo quando comunichiamo partendo e ricevendo allo stesso livello psicologico. #incanti #èsolounafiaba #edizionivirgiliomilano #enneagramma #favole #bambinointeriore #bambinimagici #doni #amore

Storia di INCANTI - Capitolo 13
"Se fosse ancora possibile sorprendersi questo sarebbe il momento adatto. Le fiabe sono cambiate. 
I personaggi sono gli stessi, ma ora si mostrano agli occhi di grandi e piccini in atteggiamento diverso. La prospettiva è mutata, come evoluta, e si protendono ora verso i bambini con le mani in accoglienza e gli sguardi curiosi e speranzosi. Non si muovono, non parlano, semplicemente attendono, come sorpresi essi stessi dalla novità, dal verificarsi di un evento inatteso e inimmaginabile. E come la sera prima, nove piccoli esseri fatati alzano gli occhi annuendo e sorridendo. 
Poi, a turno, si abbassano a cercare qualcosa nel proprio cestino." I BAMBINI E LA TEORIA DELLE FRECCE
"Poi le loro storie, le storie dei bambini di sempre, esseri perfetti guastati dalla vita e dagli adulti, che però, a pensarci bene, a loro volta sono stati pure bambini. 
E quello strano gioco, e i doni agli sconosciuti della spiaggia. Ma certo, loro sono qui per noi! Per riportarci al mondo che abbiamo lasciato, per aiutarci a trasformare i nostri smarrimenti, per donarci i loro pensieri felici. Se un bambino non ci prendesse per mano, chiedendoci ogni sera una fiaba, quale adulto si ricorderebbe che esistono?" Inizia ora il processo di trasformazione dei personaggi delle fiabe e di noi esseri umani: i bambini offrono ai personaggi i propri doni, che sono poi i doni insiti in ognuno di noi. 
Ho applicato qui la teoria detta delle “Frecce”: la figura geometrica dell’Esade indica le relazioni tra gli Enneatipi che suggeriscono la possibile evoluzione di ciascuno attraverso l’aiuto dell’altro. 
In quesa fase ho preso spunto anche dalla teoria Transazionale di Erik Berne, secondo la quale esistono vari livelli di comunicazione tra gli esseri umani e la possibilità di comprendersi veramente l’uno con l’altro si verifica solo quando comunichiamo partendo e ricevendo allo stesso livello psicologico.
 #incanti #èsolounafiaba #edizionivirgiliomilano #enneagramma #favole #bambinointeriore #bambinimagici #doni #amore

2019-11-14 05:58   0 0

 

Storia di INCANTI - Capitolo 13 "Se fosse ancora possibile sorprendersi questo sarebbe il momento adatto. Le fiabe sono cambiate. I personaggi sono gli stessi, ma ora si mostrano agli occhi di grandi e piccini in atteggiamento diverso. La prospettiva è mutata, come evoluta, e si protendono ora verso i bambini con le mani in accoglienza e gli sguardi curiosi e speranzosi. Non si muovono, non parlano, semplicemente attendono, come sorpresi essi stessi dalla novità, dal verificarsi di un evento inatteso e inimmaginabile. E come la sera prima, nove piccoli esseri fatati alzano gli occhi annuendo e sorridendo. Poi, a turno, si abbassano a cercare qualcosa nel proprio cestino." I BAMBINI E LA TEORIA DELLE FRECCE "Poi le loro storie, le storie dei bambini di sempre, esseri perfetti guastati dalla vita e dagli adulti, che però, a pensarci bene, a loro volta sono stati pure bambini. E quello strano gioco, e i doni agli sconosciuti della spiaggia. Ma certo, loro sono qui per noi! Per riportarci al mondo che abbiamo lasciato, per aiutarci a trasformare i nostri smarrimenti, per donarci i loro pensieri felici. Se un bambino non ci prendesse per mano, chiedendoci ogni sera una fiaba, quale adulto si ricorderebbe che esistono" Inizia ora il processo di trasformazione dei personaggi delle fiabe e di noi esseri umani: i bambini offrono ai personaggi i propri doni, che sono poi i doni insiti in ognuno di noi. Ho applicato qui la teoria detta delle “Frecce”: la figura geometrica dell’Esade indica le relazioni tra gli Enneatipi che suggeriscono la possibile evoluzione di ciascuno attraverso l’aiuto dell’altro. In quesa fase ho preso spunto anche dalla teoria Transazionale di Erik Berne, secondo la quale esistono vari livelli di comunicazione tra gli esseri umani e la possibilità di comprendersi veramente l’uno con l’altro si verifica solo quando comunichiamo partendo e ricevendo allo stesso livello psicologico. #incanti #èsolounafiaba #edizionivirgiliomilano #enneagramma #favole #bambinointeriore #bambinimagici #doni #amore

2019-11-14 05:58   4 2

 
Storia di INCANTI - Capitolo 13
"Se fosse ancora possibile sorprendersi questo sarebbe il momento adatto. Le fiabe sono cambiate. 
I personaggi sono gli stessi, ma ora si mostrano agli occhi di grandi e piccini in atteggiamento diverso. La prospettiva è mutata, come evoluta, e si protendono ora verso i bambini con le mani in accoglienza e gli sguardi curiosi e speranzosi. Non si muovono, non parlano, semplicemente attendono, come sorpresi essi stessi dalla novità, dal verificarsi di un evento inatteso e inimmaginabile. E come la sera prima, nove piccoli esseri fatati alzano gli occhi annuendo e sorridendo. 
Poi, a turno, si abbassano a cercare qualcosa nel proprio cestino." I BAMBINI E LA TEORIA DELLE FRECCE
"Poi le loro storie, le storie dei bambini di sempre, esseri perfetti guastati dalla vita e dagli adulti, che però, a pensarci bene, a loro volta sono stati pure bambini. 
E quello strano gioco, e i doni agli sconosciuti della spiaggia. Ma certo, loro sono qui per noi! Per riportarci al mondo che abbiamo lasciato, per aiutarci a trasformare i nostri smarrimenti, per donarci i loro pensieri felici. Se un bambino non ci prendesse per mano, chiedendoci ogni sera una fiaba, quale adulto si ricorderebbe che esistono?" Inizia ora il processo di trasformazione dei personaggi delle fiabe e di noi esseri umani: i bambini offrono ai personaggi i propri doni, che sono poi i doni insiti in ognuno di noi. 
Ho applicato qui la teoria detta delle “Frecce”: la figura geometrica dell’Esade indica le relazioni tra gli Enneatipi che suggeriscono la possibile evoluzione di ciascuno attraverso l’aiuto dell’altro. 
In quesa fase ho preso spunto anche dalla teoria Transazionale di Erik Berne, secondo la quale esistono vari livelli di comunicazione tra gli esseri umani e la possibilità di comprendersi veramente l’uno con l’altro si verifica solo quando comunichiamo partendo e ricevendo allo stesso livello psicologico.
 #incanti #èsolounafiaba #edizionivirgiliomilano #enneagramma #favole #bambinointeriore #bambinimagici #doni #amore

2019-11-14 05:58   0 0

 

Storia di INCANTI - Capitolo 13 "Se fosse ancora possibile sorprendersi questo sarebbe il momento adatto. Le fiabe sono cambiate. I personaggi sono gli stessi, ma ora si mostrano agli occhi di grandi e piccini in atteggiamento diverso. La prospettiva è mutata, come evoluta, e si protendono ora verso i bambini con le mani in accoglienza e gli sguardi curiosi e speranzosi. Non si muovono, non parlano, semplicemente attendono, come sorpresi essi stessi dalla novità, dal verificarsi di un evento inatteso e inimmaginabile. E come la sera prima, nove piccoli esseri fatati alzano gli occhi annuendo e sorridendo. Poi, a turno, si abbassano a cercare qualcosa nel proprio cestino." I BAMBINI E LA TEORIA DELLE FRECCE "Poi le loro storie, le storie dei bambini di sempre, esseri perfetti guastati dalla vita e dagli adulti, che però, a pensarci bene, a loro volta sono stati pure bambini. E quello strano gioco, e i doni agli sconosciuti della spiaggia. Ma certo, loro sono qui per noi! Per riportarci al mondo che abbiamo lasciato, per aiutarci a trasformare i nostri smarrimenti, per donarci i loro pensieri felici. Se un bambino non ci prendesse per mano, chiedendoci ogni sera una fiaba, quale adulto si ricorderebbe che esistono" Inizia ora il processo di trasformazione dei personaggi delle fiabe e di noi esseri umani: i bambini offrono ai personaggi i propri doni, che sono poi i doni insiti in ognuno di noi. Ho applicato qui la teoria detta delle “Frecce”: la figura geometrica dell’Esade indica le relazioni tra gli Enneatipi che suggeriscono la possibile evoluzione di ciascuno attraverso l’aiuto dell’altro. In quesa fase ho preso spunto anche dalla teoria Transazionale di Erik Berne, secondo la quale esistono vari livelli di comunicazione tra gli esseri umani e la possibilità di comprendersi veramente l’uno con l’altro si verifica solo quando comunichiamo partendo e ricevendo allo stesso livello psicologico. #incanti #èsolounafiaba #edizionivirgiliomilano #enneagramma #favole #bambinointeriore #bambinimagici #doni #amore

🦋ci sono così tante citazioni sulla gentilezza che faccio fatica a scegliere quelle che voglio condividere con voi 🙈....naturalmente ho seguito il cuore , come sempre 🤣❤️
-
Sii gentile con te stesso “Ama te stesso. Devi essere molto gentile con te stesso; perché è solo attraverso l’amore che la trasformazione avviene”. Osho.
-
Love, love and love🧘‍♀️❤️
Namaste 🙏
-
 #osho #gentilezza #kindness #amore #love #yogaeverymoment #justyogabellinzona #yinyoga

2019-11-14 05:58   2 0

 

🦋ci sono così tante citazioni sulla gentilezza che faccio fatica a scegliere quelle che voglio condividere con voi 🙈....naturalmente ho seguito il cuore , come sempre 🤣❤️ - Sii gentile con te stesso “Ama te stesso. Devi essere molto gentile con te stesso; perché è solo attraverso l’amore che la trasformazione avviene”. Osho. - Love, love and love🧘‍♀️❤️ Namaste 🙏 - #osho #gentilezza #kindness #amore #love #yogaeverymoment #justyogabellinzona #yinyoga

E poi passerà il tempo, crescerai e inizierà la vostra rivalità da padre e figlio e io t farò vedere questa foto ricordandoti quanto vi amate 😍❤..ma ora non pensiamoci e godiamici questo..l' #amore #tuttinellettone

2019-11-14 05:56   3 0

 

E poi passerà il tempo, crescerai e inizierà la vostra rivalità da padre e figlio e io t farò vedere questa foto ricordandoti quanto vi amate 😍❤..ma ora non pensiamoci e godiamici questo..l' #amore #tuttinellettone

E vennero a trovarci le prime luci del mattino come se fossero le prime parole di una storia d’amore.
(Emily Dickinson)

2019-11-14 05:52   11 1

 

E vennero a trovarci le prime luci del mattino come se fossero le prime parole di una storia d’amore. (Emily Dickinson)

 #Buongiorno ☀️😃 #MondodiColori 💋
Compagni di viaggio NMHRK ❤️ 🎯 È TEMPO DI ESSERE FELICI DAVVERO 🎯.... vero più che mai...
I desideri che custodiamo da sempre in fondo al cuore. 
La più grande illusione che si sia mai diffusa e radicata nel nostro vivere quotidiano riguarda un unico aspetto: 
IL NON CREDERE. 
Il non credere in noi stessi. 
Il non credere che dentro la nostra vita ci sia tutto, 
ma proprio tutto, 
ciò di cui abbiamo davvero bisogno. 
Il non credere nella vita. 
Nel suo straordinario potere. 
Istante dopo istante, 
giorno dopo giorno, con le nostre mani abbiamo costruito la nostra prigione. 
Ed ora aspettiamo. 
Aspettiamo che qualcosa o qualcuno al di fuori di noi ci liberi dal peso di una angoscia che diventa sempre più pesante. 
L'arrivo della persona giusta, 
del lavoro ideale, 
della casa dei nostri sogni...
ma niente di tutto questo, anche quando accade, ci rende davvero felici. 
Così la vita passa veloce e il nostro sentirci incompleti, inadeguati e disorientati aumenta sempre di più. 
La felicità che può davvero spezzare le catene della nostra sofferenza risiede nella profondità del nostro cuore. 
È il desiderio custodito nella profondità del nostro cuore non è nient'altro che la nostra stessa vita. 
La felicità vera emerge in chi decide di seguire un cammino che anziché guardare al di fuori scava in profondità nel proprio essere. 
È lì risiede un tesoro così prezioso e potente che nemmeno possiamo immaginare. 
È tempo di abbracciare la nostra vita. 
È tempo di farle sentire che crediamo in lei più che in qualsiasi altra cosa. 
È tempo di cercare una gioia senza spazio ne' tempo. 
Una gioia che esplode dal nostro essere. Una gioia condivisa. La gioia che deriva dal cuore che crede in se stessi. 
La gioia che nasce dalla determinazione di amare e proteggere la propria vita dai continui attacchi della nostra stessa mente. 
Ce la possiamo fare. 
Senza nessun dubbio. 
Nessuno escluso. 
Il freddo giudizio che spesso riserviamo alla nostra vita non fa che congelarla. 
Solo il calore è in grado di operare una naturale trasformazione e cambiamento. .....
 #tobecontinued nei commenti

2019-11-14 05:51   4 4

 

#Buongiorno ☀️😃 #MondodiColori 💋 Compagni di viaggio NMHRK ❤️ 🎯 È TEMPO DI ESSERE FELICI DAVVERO 🎯.... vero più che mai... I desideri che custodiamo da sempre in fondo al cuore. La più grande illusione che si sia mai diffusa e radicata nel nostro vivere quotidiano riguarda un unico aspetto: IL NON CREDERE. Il non credere in noi stessi. Il non credere che dentro la nostra vita ci sia tutto, ma proprio tutto, ciò di cui abbiamo davvero bisogno. Il non credere nella vita. Nel suo straordinario potere. Istante dopo istante, giorno dopo giorno, con le nostre mani abbiamo costruito la nostra prigione. Ed ora aspettiamo. Aspettiamo che qualcosa o qualcuno al di fuori di noi ci liberi dal peso di una angoscia che diventa sempre più pesante. L'arrivo della persona giusta, del lavoro ideale, della casa dei nostri sogni... ma niente di tutto questo, anche quando accade, ci rende davvero felici. Così la vita passa veloce e il nostro sentirci incompleti, inadeguati e disorientati aumenta sempre di più. La felicità che può davvero spezzare le catene della nostra sofferenza risiede nella profondità del nostro cuore. È il desiderio custodito nella profondità del nostro cuore non è nient'altro che la nostra stessa vita. La felicità vera emerge in chi decide di seguire un cammino che anziché guardare al di fuori scava in profondità nel proprio essere. È lì risiede un tesoro così prezioso e potente che nemmeno possiamo immaginare. È tempo di abbracciare la nostra vita. È tempo di farle sentire che crediamo in lei più che in qualsiasi altra cosa. È tempo di cercare una gioia senza spazio ne' tempo. Una gioia che esplode dal nostro essere. Una gioia condivisa. La gioia che deriva dal cuore che crede in se stessi. La gioia che nasce dalla determinazione di amare e proteggere la propria vita dai continui attacchi della nostra stessa mente. Ce la possiamo fare. Senza nessun dubbio. Nessuno escluso. Il freddo giudizio che spesso riserviamo alla nostra vita non fa che congelarla. Solo il calore è in grado di operare una naturale trasformazione e cambiamento. ..... #tobecontinued nei commenti

“A che ti serve possedere le stelle?” chiese il Piccolo Principe all’uomo
“Mi serve ad essere ricco”
“E a che serve essere ricco?”
“A comperare delle altre stelle se qualcuno ne trova”
“Io” disse il Piccolo Principe “possiedo un fiore che innaffio tutti i giorni e
possiedo tre vulcani dei quali spazzo il camino tutte le settimane. E’ utile
ai miei vulcani e al mio fiore che li possegga. Ma tu non sei utile alle stelle..” 🐑♥️

2019-11-13 22:18   13 1

 

“A che ti serve possedere le stelle” chiese il Piccolo Principe all’uomo “Mi serve ad essere ricco” “E a che serve essere ricco” “A comperare delle altre stelle se qualcuno ne trova” “Io” disse il Piccolo Principe “possiedo un fiore che innaffio tutti i giorni e possiedo tre vulcani dei quali spazzo il camino tutte le settimane. E’ utile ai miei vulcani e al mio fiore che li possegga. Ma tu non sei utile alle stelle..” 🐑♥️